Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Programma del corso: Psicologia sociale delle religioni - Università Milano Bicocca, a.a. 2013-2014

Docente: Prof. Germano Rossi

Obiettivo del corso

Lo scopo della psicologia della religione è quello di cercare di comprendere i diversi modi in cui le credenze di una persona influenzano il suo mondo (studiando il comportamento, gli atteggiamenti e, più in generale, i processi generali del funzionamento della mente). Molti meccanismi psicologici della religiosità (o della non credenza religiosa) sono comuni ad altre forme di credenze in quando frutto di processi sociali oltre che culturali. Inoltre, la “religione” in quanto organizzazione istituzionale, favorisce il modo di formarsi delle opinioni, delle rappresentazioni, dei pregiudizi, delle relazioni tra i generi, degli stili comunicativi.

Programma del corso

Il corso, tramite lezioni frontali, introduce gli studenti ai temi principali della psicologia della religione con particolare enfasi sugli aspetti sociali e organizzativi. All’inizio si affronterà l’attuale dibattito su “religione” (o religiosità) e “spiritualità” per proseguire con i fondamenti empirici della materia. Attraverso lo studio dei processi religiosi dell’infanzia, dell’adolescenza e dell’età adulta si affronterà il modo in cui la socializzazione influenza la nascita, lo sviluppo e il mantenimento delle credenze religiose/spirituali. Le varie forme sociali delle strutture religiose (denominations, nuovi movimenti religiosi) e le dinamiche di associazione, conversione e de-conversione. Infine si affronterà l’esperienza religiosa nell’individuo e le sue relazioni con il sociale, la morale, il pregiudizio e gli stereotipi.

Bibliografia

M. Hood, R.W., Hill, P.C. e Spilka, B. (2009). The psychology of religion: an empirical approach.. New York: Guilford. (capp. 1-2, 4-6, 8-10, 12).

Metodo di valutazione. L’esame consisterà in una prova scritta con domande aperte a cui seguirà una prova orale. La prova scritta potrà essere sostituita da un elaborato di circa 15 pagine su un argomento a scelta (ma concordato con il docente) che sia un approfondimento rispetto a quanto presente nel libro di testo. La prova orale verterà sia sull’elaborato sia sugli argomenti del corso.

CFU: 8

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Versione inglese - Programm: Social Psychology of Religion - Università Milano Bicocca, a.a. 2013-2014