Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Verbale Giuria 8° Premio Milanesi - Estratto

  • Stampa

La giuria, alla fine di un attento esame, all’unanimità ha deliberato di conferire il primo premio con l’assegnazione di Euro 1000,00 alla dott.sa Cristina Scarpa, che ha conseguito la laurea in Scienze della Formazione Primaria presso l’Università Cattolica di Milano con una tesi dal titolo Lou Adreas Salomé. Dal narcisismo originario al desiderio di Dio (relatore Prof. Mario Aletti). La giuria sintetizza così il suo giudizio: il lavoro della dott.sa Scarpa evidenzia il rilievo della figura di Lou Andreas Salomé nella storia della psicoanalisi non meno che in quella della letteratura tedesca, rifacendosi anche ai testi originali e offrendo un contributo alla ricostruzione di una bibliografia in cui sono ancora molti i testi non tradotti ed inediti. All’interno della produzione letteraria, precedente e conseguente l’accostamento della Salomé alla psicoanalisi, la candidata opera una lettura trasversale, alla ricerca del desiderio di Dio e del suo radicamento nella profondità delle esigenze dell’uomo. Il tema individuato, svolto in maniera accurata ed esaustiva, evidenzia quanto il percorso dal narcisismo originario al desiderio di Dio sia riconducibile alla personalità (alla storia, all’infanzia e alla femminilità) della Salomé e quanto derivi dalla sua teoria e pratica psicoanalitica. A questa valutazione la candidata giunge attraverso la lettura di testi classici antecedenti alla Salomé (in particolare, di Freud, i testi sulla religione e sul narcisismo) e di autori che, in qualche modo, anche se non dichiaratamente, sembrano avere colto l’eredità della Salomé (Winnicott, Pruyser etc.). Merita attenzione anche l’accuratezza dell’appendice, con documentazione bibliografica, iconografica e una contestualizzazione storico-culturale efficace ed utile per ulteriori approfondimenti.
La giuria inoltre, preso atto della qualità di altri lavori che possono offrire un positivo contributo alla psicologia della religione, segnala come particolarmente apprezzabili le tesi presentate da:

Dott.sa Maria Antonietta Rizzello: Mons. Luigi Biraghi e le Marcelline: la specificità femminile nella crescita umana e religiosa delle giovani e delle consacrate;

Dott.sa Laura Salvadori: Cattolici praticanti, non praticanti e atei: un'analisi descrittiva;

Dott.sa Elena Venturini: Il successo de "L'anima e il suo destino" di Vito Mancuso. Questioni di psicologia, teologia e comunicazione religiosa.